StevenCafè.Blog
Chi è uso alle rape non vada ai pasticci. Chi è uso alla zappa non pigli la lancia. Chi è uso al campo non vada alla corte. Chi vincerà il suo appetito sarà un gran capitano. Chi non mangia da tutte due le bande, non è buona simia. Chi guarda fisso nel sole e non strenuta, guàrdati da quello. Chi ogni dì si veste di nuovo, grida ognor con il sartore. Chi lascia stare i fatti suoi per far quelli d’altri, ha poco senno. Chi vuol salutare ognuno frusta presto la berretta. Chi batte la moglie dà da mormorare ai vicini. Chi misura il suo stato non sarà mai mendico. Chi gratta la rogna d’altri la sua rinfresca. Chi promette nel bosco, deve osservare la parola nella città. Chi ha paura degli uccelli non semini il miglio. Chi farà come il riccio starà sempre sicuro in casa. Chi va in viaggio porti il pane in seno e il bastone in mano. Chi crede ai sogni fonda i suoi pensieri nella nebbia. Chi pone la sua speranza in terra, si discosta dal cielo. Chi è pigro delle mani non vada a tinello. Chi ti consiglia in cambio d’aiutarti, non è buon amico. Chi castiga la cagna, il cane sta discosto. Chi imita la formica l’estate, non va per pane in presto il verno. Chi tira il sasso in alto, gli torna a dare sul capo. Chi va alla festa e ballar non sa, ingombra il loco e altro non fa. Chi tuol moglie per robba, la borsa va a marito. Chi dà il maneggio di casa alle donne, ha sempre le filiere all’uscio. Chi non può portar la sua pelle è una trista pecora. Chi usa la robba in mala parte, alla morte vede le sue partite. Chi loda uno innanzi che l’abbia praticato, spesso si dà delle mentite da se stesso. Chi dà del pane ai cani d’altri, spesso vien latrato dai suoi. Chi non dà la sua mercede all’operaio non ha dell’uomo giusto. Chi mangia a gusto d’altrui non mangia mai cosa che gli faccia pro. Chi si pretende di saper nulla, quello è più sapiente degli altri. Chi vuol correggere altri, diasi buon essempio a se medesimo. Chi fugge le volontà terrene, mangia frutti celesti. Chi si trova senza amici è come corpo senza anima. Chi manda la lingua avanti del pensiero non ha del saggio. Chi all’uscir di casa pensa quello che ha da fare, quando torna ha finito l’opera. Chi dà presto quello che promette, dà due volte. Chi pecca, e fa peccar altrui, ha da far due penitenze in una volta. Chi a se stesso non è buono, manco può esser buono per altri. Chi vuol seguir la virtù, bisogna scacciare il vizio. Chi domanda quello che non spera d’avere, a se stesso nega la grazia. Chi ha buon vino in casa, ha sempre i fiaschi alla porta. Chi elegge l’armi vuol combattere con vantaggio. Chi navica nel mar delle sensualità si sbarca al porto delle miserie. Chi del ben d’altri si attrista, altri ride del suo male. Chi ti lecca dinanzi, ti morde di dietro. Chi sta in sospetto, vada a buon’ora a letto. Chi ha la virtù per guida va sicuro al suo viaggio.
Titolo: Le sottilissime astuzie di Bertoldo
Autore: Giulio Cesare Croce
Anno di prima pubblicazione: 1606
come nel Don Quixote del Cervantes il testo di Croce racchiude centinaia di proverbi che testimoniano la cultura del tempo, qui alcune frasi estrapolate dal libro
“Chi si intende di saper nulla, quello è più sapiente degli altri.”
“Chi è uso alla zappa non pigli la lancia.”
“Chi pecca, e fa peccare altrui, ha da far due penitenze in una volta.”
“Chi misura il suo stato non sarà mai mendico.”
“La più gran pazzia dell’uomo è il riputarsi savio.”
“Chi lascia stare i fatti suoi per fare quelli d’altri, ha poco senno.”
“Chi promette nel bosco, deve osservare la parola nella città.”
“Natura mi fece libero, e libero voglio conservarmi.”
“Non viene ingannato se non chi si fida.”
“Parlano al contrario di quello ch’esse pensano, e pensano al contrario di quello ch’esse parlano.”
“Chi numera gli anni fa conto con la morte.”
“Chi fugge le volontà terrene mangia frutti celesti.”
“Chi vuol moglie per roba, la borsa va a marito.” 
“Chi vuol seguir la virtù, bisogna scacciare il vizio.”
“Chi sta in sospetto, vada a buon’ora a letto.”
“Chi non dà la sua mercede all’operaio non ha dell’uomo giusto.”
“Chi all’uscir di casa pensa quello che ha da fare, quando torna ha finito l’opera.”
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: